Cronaca Italia

Carate Brianza, anziani raccolgono funghi e li mangiano: lui è morto, lei è grave

Raccolgono funghi davanti all'ospedale. Finisce malissimo
Carate-brianza-funghi-velenosi

Carate Brianza, anziani raccolgono funghi e li mangiano: lui è morto, lei è grave

MONZA – Avevano raccolto un mucchietto di funghi di fronte alla cappelletta dell’ospedale di Carate Brianza. Credevano fossero prataioli, i loro preferiti, ma non si sono accorti che nel mucchio era finito anche un fungo Amanita Phalloides, uno dei più velenosi al mondo. Così due anziani coniugi, 79 anni lui, 78 lei, di Besana Brianza (Monza) sono finiti all’ospedale gravemente intossicati. Lui, dopo tre giorni di agonia non ce l’ha fatta. La moglie è ancora ricoverata a Desio, in condizioni gravissime.

Il primo a prestare soccorso ai due anziani era stato il figlio, che per fortuna non è rimasto intossicato. Secondo il racconto del figlio il pensionato non si sarebbe rivolto, come raccomandato, all’Ats di competenza per far valutare i funghi appena raccolti. Si considerava un esperto e già in passato ne aveva fatto grosse scorpacciate. Giovedì sera i due coniugi hanno cucinato i funghi e li hanno consumati per cena. Venerdì mattina sono comparsi i primi malori.

Col passare delle ore i sintomi dell’intossicazione si facevano via via più insopportabili. Di qui la decisione di recarsi al Pronto Soccorso. Grazie ad esami specifici i medici sono riusciti subito ad individuare la causa dell’intossicazione. Il marito è stato quindi portato in rianimazione al Policlinico di Milano, dove oggi è spirato. La moglie invece è tuttora ricoverata in rianimazione all’ospedale di Desio. Le sue condizioni sono preoccupanti.

 

To Top