Blitz quotidiano
powered by aruba

Carla de Conti, la tabaccaia rapinata 8 volte. “Ora mi difendo da sola…”

TREVISO – Questa è la storia della tabaccaia di San Fior di Sotto, in provincia di Treviso, rapinata non una, non due, ma ben 8 volte. Carla De Conti, 50 anni, titolare dell’omonimo negozio di sigarette e francobolli è stata protagonista di un incontro organizzato dalla Lega Nord, nella sala polifunzionale del Paese. Si è parlato di legittima difesa e sicurezza del territorio e chi meglio di lei poteva tenere banco sull’argomento. Già in passato la donna aveva infatti fatto sapere di voler ricorrere al porto d’armi, dopo tanti anni vissuti nella paura e nell’angoscia a seguito delle numerose rapine. “Visto che le istituzioni non sono in grado di tutelarmi – ha detto – Non mi resta che farlo da sola”.

Agli oltre 150 radunatisi mercoledì sera a San Fior, Carla ha raccontato di una decisione sofferta e a lungo meditata. Non di certo presa a cuor leggero, ma consapevole delle eventuali inevitabili conseguenze. Ha iniziato a frequentare il poligono di tiro per capire come ci si sente con una pistola in pugno. Dopo i primi tiri di prova si è convinta e il 21 maggio inizierà il corso vero e proprio per imparare a usare la pistola. Con un’arma, Carla spera di ottenere risultati migliori rispetto ai sistemi di allarme e alle telecamere che finora non sono bastate a proteggerla.

Ma la sagoma di un poligono non è come un essere umano in carne d’ossa. In una recente intervista al Gazzettino aveva detto: “Non so come reagirei faccia a faccia con un bandito e una pistola in mano. Ma so come mi sono sentita quando l’arma ce l’avevo puntata al fianco. Sono decisa, voglio imparare a usare la pistola e ottenere il porto d’armi”.