Cronaca Italia

Carta di credito, 10 consigli per riconoscere ed evitare truffe

Carta di credito, 10 consigli per riconoscere-evitare truffe

Carte di credito

ROMA – Con l’aumento degli acquisti on line crescono anche le frodi: il numero della carta di credito viene riprodotto illegalmente su carte clonate, utilizzate sia per lo shopping tradizionale che per il commercio elettronico. Secondo le più recenti stime della Banca centrale europea sul periodo natalizio dello scorso anno, circa un euro viene frodato ogni 2.635 spesi con la carta di credito. A volte però queste iniziative sono più audaci e portano via all’ignaro compratore somme molto più alte.

L’azienda Achab, che si occupa di creare infrastrutture IT semplici e ad alte prestazioni, dà qualche consiglio per tutelarsi.

  • 1. Tieni la carta di credito in un luogo sicuro e non accessibile a tutti.
  • 2. Non scrivere mai il Pin su foglietti volanti.
  • 3. Ricordarsi di firmare la carta di credito, in alcuni casi viene controllata.
  • 4. Verificare sempre l’elenco delle transazioni anche quelli di pochi centesimi o euro. Spesso i cybercriminali fanno delle piccole transazioni per vedere se tu stai controllando e se capiscono, che non verifichi, si dedicano a somme ben più ingenti.
  • 5. Prima di utilizzare la carta a uno sportello assicurati che il bancomat sia integro, non ci siano segni di effrazione, strane telecamere o oggetti insoliti.
  • 6. Dopo aver fatto un prelievo assicurati che la ricevuta riporti lo stesso importo dei soldi effettivamente prelevati.
  • 7. Quando ricevi la nuova carta di credito o bancomat distruggi il vecchio, non metterlo semplicemente nel cassetto.
  • 8. Se fai acquisti online, assicurati che il sito web utilizzi i protocolli sicuri. Non mettere mai informazioni personali o finanziare su un sito che non usa transazioni cifrate.
  • 9. Quando finisci di utilizzare un sito web o un’applicazione effettua il Logout. Se non ti scolleghi, chi userà il computer o l’applicazione dopo di te agirà con le tue credenziali.
  • 10. Non usare computer pubblici per effettuare transazioni o acquisti.
To Top