Blitz quotidiano
powered by aruba

Carta di identità elettronica dal 4 luglio. Costerà 22 euro: come richiederla

ROMA – Carta di identità con microchip dal 4 luglio. Costerà 22 euro. Da oggi è possibile richiedere la nuova Carta di identità elettronica, con impronte digitali annesse. Ci sarà anche l’opzione per indicare se si vuole essere donatori di organi. E tutto sarà archiviato in un microchip. Per avere la Cie i cittadini dovranno pagare 13,76 euro per la procedura più l’l’Iva e i diritti fissi e di segreteria per un totale di circa 22 euro. Le carte d’identità in formato cartaceo ed elettronico sperimentale rilasciate fino all’emissione della nuova Cie mantengono la propria validità fino alla scadenza.

A dettare le regole per la Cie, questo l’acronimo che gli italiani dovranno tenere a mente, un decreto del Viminale, messo a punto con i ministeri della Pubblica Amministrazione e dell’Economia. Un provvedimento che intende sbloccare un progetto partito quasi venti anni fa, nel lontano 1997 ma mai decollato. Ora il governo Renzi ha deciso di accelerare, facendo piazza pulita delle ormai vecchie sperimentazioni.

Si riparte dai Comuni che hanno fatto da ‘pilota’ nelle passate edizioni dell’operazione (sarebbero state distribuite circa 4 milioni di carte elettroniche da parte di 150 municipi). In queste realtà sarà possibile da subito fare richiesta della nuova Cie, ovviamente laddove ce ne è una necessità (prima carta d’identità, a seguito di uno smarrimento o causa scadenza).

Non c’è quindi un piano forzoso di sostituzione ma, comunque il ministero dell’Interno, definirà una roadmap per un “graduale” processo di abilitazione su tutto il territorio nazionale. E’ immaginabile, sentendo anche i pareri degli esperti, che ciò prenda un arco temprale che si avvicina ai due anni. Tuttavia una volta arrivata la domanda per la Carta il Comune (o il Consolato se si è all’estero), dall’acquisizione dei dati avrà solo sei giorni di tempo per consegnare la tessera (una sorta di carta valori, tipo bancomat) e il Pin, per accedere ai servizi online.

Ci sarà perfino un portale web dedicato dove si potrà prenotare l’appuntamento in Anagrafe per la definizione della Carta. E il cittadino la potrà ricevere direttamente a casa. La supervisione del progetto e delle tappe che lo scandiranno è affidata a una commissione ad hoc, in cui rientrano rappresentanti di diversi ministeri (oltre al Viminale, anche la P.a. e il Tesoro) e dell’Agid, l’Agenzia per l’Italia digitale.

La dirigente dell’Agenzia, Maria Pia Giovannini, spiega come si tratti di “un passo molto importante, che porterà a una svolta in termini di sicurezza, frenando anche il fenomeno della contraffazione”. D’altra parte la Carta contiene l’immagine con le impronte digitali, così come avviene per il Passaporto.