Cronaca Italia

Catania, aria nelle vene di pazienti terminali: “300€ a morto”. Aperta inchiesta sui “barellieri killer”

Catania, "iniettavano aria nelle vene dei pazienti terminali": inchiesta sui barellieri dell'ambulanza

Catania, “iniettavano aria nelle vene dei pazienti terminali”: inchiesta sui barellieri dell’ambulanza

BIANCAVILLA (CATANIA) – Malati terminali uccisi su un’ambulanza, con iniezioni di aria nelle vene, e i loro corpi ‘venduti’ per 300 euro a agenzie di onoranze funebri. Sono le ipotesi al vaglio della Procura di Catania che ha aperto un’inchiesta per omicidio dopo le rivelazioni di un collaboratore di giustizia, che accusa la mafia locale di avere avuto un ruolo nella vicenda.

I decessi sarebbero avvenuti  durante il trasporto dall’ospedale di Biancavilla a casa dei pazienti dimessi perché in fin di vita. I casi sarebbero iniziati nel 2012, all’insaputa dell’ospedale e dei medici.

Le prime rivelazioni il ‘pentito’ le aveva fatte in un’intervista a Le Iene e poi in Procura. I carabinieri hanno acquisito cartelle cliniche nell’ospedale. Dalla Procura di Catania si sottolinea che “l’inchiesta è seria”, ma che le dichiarazioni del collaboratore “saranno sottoposte alle verifiche che il caso richiede”.

“La gente non moriva per mano di Dio”, aveva detto il collaboratore di giustizia a Le Iene e poi ai magistrati di Catania, ma per “guadagnare 300 euro, invece di 30 o 50″.

Secondo la ricostruzione del pentito, mentre il malato terminale tornava a casa “siccome era in agonia e sarebbe deceduto lo stesso, gli iniettavano dell’aria con l’agocannula nel sangue, e il malato moriva per embolia”, così i familiari non se ne accorgevano.

Approfittando del momento di grande dolore proponevano l’intervento di un’agenzia di onoranze funebri che, sottolinea il testimone, “poi gli facevano un regalino”, i 300 euro a salma. Il pentito sostiene che “erano i boss a mettere gli uomini sull’ambulanza” e che i “soldi andavano all’organizzazione”. “Che schifo – aggiunge – spegni una persona per 300 euro…”.

E sul perché prima abbia parlato in televisione e poi davanti ai Pm di Catania spiega di averlo fatto per “paura”, e di essere però stato spinto dal rimorso di “avere visto morire così il padre di un amico…”, al quale non ha mai confessato quello che sarebbe accaduto. Cosa che ha fatto adesso, invece, prima in un programma televisivo, e poi davanti alla Procura di Catania.

To Top