Blitz quotidiano
powered by aruba

Cecilia Maria Fassine e figlio trovati morti vicino Viterbo

VITERBO – Sono stati ritrovati morti Cecilia Maria Fassine, studentessa universitaria nata in Austria, e il figlio di 5 mesi, Matteo Arion, scomparsi venerdì sera a Montefiascone in provincia di Viterbo, mentre erano in vacanza al lago di Bolsena con la famiglia. La giovane, 22 anni, è stata trovata impiccata a un albero e il piccolo per terra
coperto da un giubbetto. Non è ancora chiaro se sia stata la giovane a ucciderlo prima di togliersi la vita, o se sia morto di stenti.

Tra le ipotesi quella che la donna potesse avere una forma di depressione post partum. La ragazza, nella tarda serata di venerdì era uscita dal bungalow per “far addormentare il bambino”, ma non è più tornata. I genitori se ne sono accorti solo dopo alcune ore e, risultate vane le prime ricerche, domenica mattina sono andati dai carabinieri a sporgere denuncia di scomparsa.

Immediato è scattato il piano di ricerca disposto dalla prefettura, che ha coinvolto carabinieri, vigili del fuoco (con unità cinofile, squadre a terra e sommozzatori) e polizia locale.


TAG: