Blitz quotidiano
powered by aruba

Cella troppo piccola, sconto di pena al killer

PADOVA – La cella è troppo piccola, il condannato fa causa al penitenziario e gli viene ridotta la pena. Nell’ottobre del 2007 Elton Xhoxhi, cittadino albanese di 32 anni, ha ucciso a colpi di pistola insieme a sette persone il connazionale Berard Kozaria a Rettorgole di Caldogno, in provincia di Vicenza. 

Per quell’assassinio Xhoxhi è stato condannato a 26 anni con l’accusa di concorso in omicidio. Ma sin da quando è arrivato in carcere, al penitenziario di Vicenza, spiega Marco Aldighieri sul Gazzettino, Xhoxhi ha denunciato le condizioni detentive.

In particolare il condannato ha sostenuto di essere stato messo in una cella troppo piccola (il minimo per ogni detenuto deve essere di tre metri per quattro). Ha anche detto, tramite il suo avvocato, di avere assistito ad aggressioni dei detenuti da parte degli agenti. Quando è stato trasferito nella casa circondariale di Viterbo, spiega Aldighieri,

ha ancora denunciato di essere stato recluso in una cella troppo angusta, della mancanza di acqua potabile e di lavoro. Infine nella casa di reclusione Due Palazzi Elton Xhoxhi, difeso dalla legale Federica Borrelli, ha lamentato la carenza degli spazi nelle zone comuni per il sovraffollamento, nonchè della presenza di scarafaggi e zanzare nelle celle e nelle parti comuni a causa dell’immondizia gettata dalla finestra. Così l’albanese attraverso il suo avvocato ha denunciato al tribunale di sorveglianza di Padova di “…essere stato sottoposto a un trattamento disumano e degradante dall’inizio della detenzione in quanto aveva a disposizione nella camera detentiva uno spazio inferiore per ciascun detenuto ai tre metri quadri…”. E secondo il comitato di prevenzione della tortura ogni detenuto deve avere a disposizione uno spazio dai tre ai 4 metri quadri. Il magistrato di sorveglianza Linda Arata ha così deciso che “…uno spazio inferiore ai 3 metri quadri è una situazione in sé intollerabile…”. Ecco allora che è stato parzialmente accolto in data 26 maggio il reclamo da parte di Elton Xhoxhi che si è visto ridurre la pena di 133 giorni. In pratica il calcolo è stato eseguito sui 1.338 giorni di carcere che l’albanese ha trascorso tra i penitenziari di Vicenza e di Padova. E su questa cifra è stato risarcito con una detrazione della pena pari a un giorno per ogni dieci giorni raggiungendo così lo sconto di 133 giorni.


PER SAPERNE DI PIU'