Blitz quotidiano
powered by aruba

Centro Alzheimer di Castelfranco inaugurato…e mai aperto

TREVISO – Un centro per malati di Alzheimer costruito a Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso. Un centro di grande importanza, lanciato con una grande inaugurazione dopo 10 anni di lavoro. Una cerimonia in pompa magna andata in scena 8 mesi fa, ma di fatto arrivati a ottobre 2016 il Centro Alzheimer non è mai stato aperto ai circa 30 pazienti che potrebbe ospitare e il motivo sarebbe burocratico: mancano ancora delle autorizzazioni necessarie.

Daniele Quarello su La Tribuna di Treviso scrive che la struttura è stata realizzata vicino alla casa di riposo Sartor ed è stata inaugurata il 23 gennaio 2016. Una struttura che da allora è rimasta chiusa e di fatto inutilizzata, nonostante ci siano voluti 10 anni di lavoro per completare la costruzione e siano stati spesi 2,6 milioni di euro, di cui 800 mila euro di finanziamenti dalla Regione Veneto e 450 mila euro di finanziamenti stanziati dal Comune di Castelfranco, mentre la Sartor ha coperto le restanti spese.

Il centro era nato per ospitare circa 30 pazienti nella fase iniziale della malattia degenerativa e ora c’è chi si chiede perché nonostante i soldi spesi e l’inaugurazione non si sia ancora giunti alla sua entrata in attività. Il presidente della Sartor, Livio Frattin, sostiene che manchino ancora le autorizzazioni necessarie per la messa in funzione del Centro Alzheimer:

“Tra gli obiettivi che il cda ha posto alla nuova direzione della casa di riposo c’è anche quello di completare l’iter burocratico e avere tutte le autorizzazioni necessarie all’apertura entro il 31 dicembre di quest’anno. Partirà inoltre la prossima settimana l’attività di un gruppo di lavoro specializzato, composto da personale della casa di riposo e da specialisti esterni, che andrà a definire le modalità di lavoro per il nuovo centro diurno”.

L’auspicio è di poter avviare il centro con il 2017, in modo da completare con questa struttura il servizio offerto dalla casa di riposo ai malati di Alzheimer in tutte le fasi della malattia”.


PER SAPERNE DI PIU'