Blitz quotidiano
powered by aruba

Centurioni, cacciati a Roma arrivano a Pisa: multati dai vigili

PISA – Spade di plastica e scope in testa: i centurioni sono arrivati sotto la Torre di Pisa. I vigili della città toscana sono rimasti allibiti quando hanno visto i “performer” romani nella piazza della Torre: qui qualsiasi artista di strada è meglio che non si avvicini perché il regolamento comunale prevede che turisti e pisani non siano importunati in questo luogo simbolo. I centurioni si sono presi una bella multa, come racconta Il Messaggero:

«Ci hanno cacciato da Roma, ma noi siamo i centurioni, teniamo famiglia, dobbiamo pur campare». L’ultima legione a piazza dei Miracoli? A vendere foto ricordo sotto la Torre di Pisa? Gladio di plastica, elmo di scopa, sandali da mare all’ombra del capolavoro del XII secolo? Il cortocircuito storico-iconografico è stato troppo: l’ultima goccia che ha fatto travasare il vaso della pazienza. Erano «allibiti» i vigili urbani pisani che ieri hanno sanzionato cinque finti centurioni romani che insistevano ad esibirsi davanti alla Torre pendente, per spillare fior di banconote alle migliaia di turisti ignari. Per loro sono scattate contravvenzioni per 100 euro a persona, verbali, segnalazioni alla centrale e l’allontanamento immediato dall’area monumentale. Il regolamento, d’altronde, parla chiaro: piazza del Duomo è off limits per qualsiasi artista di strada (a Roma i centurioni non sono neanche stati inseriti in questa categoria). Vietato lo show a saltimbanchi, madonnari, acrobati e clown, mangiafuochi e maghi delle bolle di sapone. Figuriamoci ai centurioni, improbabile presenza in un contesto da alba del Rinascimento.