Blitz quotidiano
powered by aruba

Checco Zalone: “Adriano Celentano mi ha telefonato ma…”

"Pensavo fosse un mio amico che mi faceva uno scherzo e l’ho mandato affanc..."

ROMA – Dopo avergli fatto i complimenti sul Corriere, Adriano Celentano ha chiamato Checco Zalone che l’ha imitato nel suo Quo vado? Ma l’attore ha rivelato al settimanale Oggi: “Pensavo fosse un mio amico che mi faceva uno scherzo e l’ho mandato affanc… Quando mi sono reso conto che era davvero lui… che figura di m… E poi proprio col mio mito di sempre. Da ragazzino cantavo le sue canzoni davanti allo specchio e provavo le sue mosse. Lo amo”.

Celentano, dalle pagine del Corriere della Sera, aveva così elogiato Checco Zalone:

Una medicina la sua, che ci difende e ci rende immuni dalle gravi INFEZIONI che ci procurano le clamorose CAZZATE di un certo cinema internazionale, i cui ingredienti non sono altro che la solita VIOLENZA e un falso modo di girare, dove per nascondere l’incapacità, la macchina da presa si muove in modo frenetico, con i soliti effetti dove tutto è frastuono, tutto è solo morte che uccide non soltanto il buon cinema dove il messaggio, quello vero, viene dall’arte delle grandi commedie, ma anche lo spettatore che alla fine esce con il mal di mare.
Quindi una scoperta importante la sua e il segreto è semplice, come del resto lo è di tutte le grandi scoperte. Lui ha puntato in fondo all’angolo più remoto della nostra anima. Dove anche i cosiddetti «colti», sempre piu’ assetati di potere, ne hanno purtroppo perso le tracce, le quali si identificavano con quella «sana ignoranza» che a nostra insaputa ci rende puri e quindi belli anche se brutti poi, nessuno lo è. Perché inevitabilmente, non essendo ipocriti, oltre che belli si è anche simpatici (…).