Blitz quotidiano
powered by aruba

Cinque Terre Express, ricorso contro il biglietto da 4 euro

LA SPEZIA – Cinque Terre Express, il biglietto del treno da 4 euro per tutte le località della costa ligure di Levante fa infuriare i residenti. Colpa del prezzo fisso, che fa sì che si paghi la stessa cifra anche per dei tragitti brevissimi, come per esempio quello che collega Riomaggiore a Manarola, di soli 800 metri.

Come spiega Patrizia Sporta sul Secolo XIX, 

“Le Cinque Terre avranno presto la metropolitana leggera che collegherà La Spezia con Levanto. Il “Cinque Terre Express”, al costo di 4 euro su ogni singola tratta garantirà un treno ogni mezzora, dalle 7.55 alle 19.30, e partirà la domenica di Pasqua con l’obbiettivo, per la Regione, di alleggerire il traffico ferroviario e razionalizzare i flussi turistici. I convogli metropolitani viaggeranno solo sulla tratta La Spezia Migliarina—Levanto, la stessa linea sulla quale corre il traffico ferroviario che collega il centro con il nord Italia, aumentando così il rischio per i viaggiatori di subire ritardi e soppressioni dei treni.

Le Cinque Terre avranno quindi un servizio di trasporto tutto interno e i viaggiatori per raggiungere il Tigullio, Genova e le altre città italiane dovranno così cambiare treno a Levanto e La Spezia. Ma proprio il cambio treno per collegarsi al “resto del mondo” e il biglietto a 4 euro, che i turisti e non residenti dovranno sborsare per viaggiare su ogni singola tratta, come ad esempio Riomaggiore e Manarola che distano solo 800 metri, ha spinto gli abitanti delle Cinque Terre a presentare ricorso al Tar”.

Il Tribunale amministrativo regionale deve decidere se dare ragione agli operatori turistici e mantenere le tariffe attuali. In questo caso

“i viaggiatori invece dei 4 euro pagheranno quindi 2.41 per andare da la Spezia a Corniglia, e 3.41 fino a Monterosso. La metropolitana per la Regione punta a rilanciare il treno come principale mezzo di trasporto alle Cinque Terre, mentre per i residenti isola e danneggia economicamente il territorio”.

 


PER SAPERNE DI PIU'