Cronaca Italia

Ciro Esposito: il pg chiede vent’anni per Daniele De Santis, sei in meno rispetto al primo grado

Ciro Esposito (foto Ansa)

Ciro Esposito (foto Ansa)

ROMA – Nel corso dell’udienza al processo d’appello per l’omicidio di Ciro Esposito, il procuratore generale ha chiesto venti anni di reclusione per Daniele De Santis, sei anni in meno rispetto alla condanna di primo grado.

Daniele De Santis è l’ultrà romanista accusato e condannato a 26 anni in primo grado per la morte di Ciro Esposito, il giovane napoletano ferito poco prima della finale di coppa Italia Fiorentina-Napoli il 3 maggio del 2014 e morto dopo 53 giorni di agonia.

Il procuratore generale ha ribadito nei confronti di De Santis l’accusa di omicidio volontario ma ha chiesto di non riconoscere l’aggravante dei futili motivi e di assolvere ‘Gastone’ dall’accusa di rissa “perché il fatto non sussiste”. Chiesta, invece, l’assoluzione per gli altri due imputati, Gennaro Fioretti e Alfonso Esposito, tifosi del Napoli. In primo grado furono condannati a 8 mesi di reclusione ciascuno per rissa e lesioni al volto dello stesso De Santis.

To Top