Blitz quotidiano
powered by aruba

Civitella (Pescara): escrementi di topo alla mensa dell’asilo

ROMA – Escrementi di topo e sporcizia ovunque alla mensa dell’asilo di Vestea, frazione di Civitella Casanova (Pescara). Li hanno trovati i carabinieri del Nas nel corso di un’ispezione proprio nell’ultimo giorno di apertura del refettorio, prima della pausa estiva. Gli ispettori hanno anche allertato l’Asl competente di Pescara per i relativi provvedimenti del caso. In attesa della disinfestazione il dirigente scolastico ha ordinato il trasferimento dei bimbi in un’altra sede dell’istituto comprensivo di Civitella.

L’ispezione rientra nei controlli che i Nas stanno svolgendo da inizio anno scolastico nelle scuole e nelle mense di tutto l’Abruzzo. Mario Di Giovanni, responsabile della cooperativa che si occupa del servizio mensa, ha spiegato al quotidiano abruzzese Il Centro:

“Abbiamo sempre avuto problemi logistici nel trasporto dei pasti nelle scuole di Civitella, ma è importante fare delle precisazioni. A Vestea abbiamo solo un refettorio, mentre i pasti vengono preparati a Civitella e trasportati con idoneo furgone alla scuola di Vestea, dove i pasti vengono sporzionati e serviti. Anche io mi ero accorto che nei locali dove vengono preparati i pasti c’erano delle ragnatele, ma mai avevo notato escrementi di topi.

In tante occasioni ho segnalato al Comune che i locali andavano puliti, ma questa scuola da sabato è stata adibita a seggio elettorale, dove sono affluite centinaia di persone. E di conseguenza saranno state lasciate aperte le porte a pianterreno. Il secondo dato di fatto è che noi non abbiamo la chiave per accedere ai locali e fare controlli. Comunque dalle ore 14 di venerdì a questa mattina non abbiamo avuto l’accesso a questi locali. Pensavo che dopo ogni elezione la scuola viene pulita e disinfettata, ma evidentemente ciò non è avvenuto. A quando risalgono questi escrementi? A parte le mie responsabilità.

Sono convinto – conclude – che il mio personale si sia comportato sempre nelle regole e la mia più grande preoccupazione è che i bambini abbiano sempre un servizio ottimo”.