Blitz quotidiano
powered by aruba

Cleto Tolpeit uccide madre Irma Denicolò e si costituisce

Cleto Tolpeit ha ucciso la madre Irma Denicolò a coltellate a San Lorenzo di Sebato, in Val Pusteria. Poi ha chiamato fratelli e carabinieri per avvisarli.

SAN LORENZO DI SEBATO – A San Lorenzo di Sebato, in val Pusteria, un uomo di 45 anni, Cleto Tolpeit, ha ucciso, durante un diverbio, la propria madre di 87 anni e poi ha chiamato i carabinieri. Il delitto è avvenuto ieri sera nell’appartamento nel quale l’uomo viveva con l’anziana madre Irma Denicolò. Durante la lite, Tolpeit avrebbe afferrato un coltello da cucina e colpito numerose volte la donna, che è morta praticamente sul colpo. Dopo aver avvisato i carabinieri e i fratelli, che vivono nella stessa casa, l’uomo ha aspettato l’arrivo dei militari, a cui si è consegnato.

L’omicidio è avvenuto nella cucina della villetta che la famiglia aveva recentemente costruito nei pressi della strada statale della Val Pusteria. In un appartamento viveva il 45enne con la madre, mentre negli altri due il fratello e la sorella dell’uomo. Tolpeit lavora come imbianchino per una ditta della zona, ma nel tempo libero aveva la passione della pittura, esponendo in alcune occasioni anche i suoi quadri. Il diverbio tra figlio e madre era scoppiato per futili motivi, improvvisamente la lite è però degenerata. L’uomo, scrive l’Ansa, avrebbe afferrato un coltello che si trovava in cucina.

Ripetutamente avrebbe colpito sua madre sul torace, sul collo e anche sul volto. Quando Tolpeit si è reso conto dell’accaduto, ha preso il telefono e ha dato l’allarme, ma la donna era ormai morta. Sul posto sono giunti i carabinieri e la scientifica che ha effettuato i rilievi nell’abitazione. In tarda serata il pm Luisa Mosna ha interrogato l’uomo che è stato poi portato al carcere di Bolzano.

Scrive Alan Conti su L’Alto Adige:

Tolpeit ha avvisato anche due i fratelli, che vivono nella medesima della palazzina. Terribile la scena dell’arrivo dei familiari dell’appartamento della povera donna. È probabile che l’omicidio sia avvenuto alcune ore prima, sempre nel pomeriggio. Tolpeit è stato accompagnato immediatamente nella caserma dei carabinieri di Brunico, dove in serata è stato sottoposto a un primo interrogatorio da parte del sostituto procuratore Luisa Mosna. L’episodio ha scosso tutta la comunità del centro pusterese. La famiglia è molto conosciuta in paese e anche a Brunico.


TAG:

PER SAPERNE DI PIU'