Blitz quotidiano
powered by aruba

Concorso personale Ata? Vanno avanti immigrati e rifugiati

ROMA –  Anche gli immigrati con permesso di soggiorno regolare o status di rifugiato potranno prendere parte al concorso provinciale per il personale Ata nelle scuole. Il bando è stato allargato dal ministero dell’Istruzione, scelta che però ha fatto infuriare i circa 900 assistenti amministrativi della scuola che aspettano da 20 anni di essere stabilizzati.

Claudio Torre su Il Giornale scrive che il bando del concorso è stato allargato dal Miur scatenando non poche polemiche con l’apertura agli immigrati:

“A prevederlo è il ministero dell’Istruzione che ha allargato i concorsi provinciali per il personale Ata anche ai “cittadini di paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno Ce, ai soggiornati di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato o di quello di protezione sussidiaria”. Una scelta, quella del ministero di via Trastere che ha fatto infuriare i circa 900 assistenti amministrativi della scuola che da circa 20 anni attendono di essere stabilizzati. Come racconta ilTempo, i precari lamentano di non poter far valere nel concorso in questione il servizio svolto.

Insomma, in sintesi, il comitato spiega che nell’accesso alla valutazione dei titoli si ritrovino nella stessa posizione di partenza di un immigrato che presenta la sua domanda. E adesso il comitato che li rappresenta ha scelto di protestare. La richiesta è di veder riconosciuto una maggiore punteggio o una corsia preferenziale nelle procedure di assunzione rispetto a chi non è mai entrato in un posto scolastico per lavorare. Una guerra tra poveri, insomma che sfocia nell’esasperazione. “Tutto questo è inaccettabile, crediamo innanzitutto che un Paese con una sua dignità, dovrebbe pensare ai propri cittadini, ai propri figli e dopo a chi si insedia successivamente in questa Nazione” conclude il comitato nella nota”.


PER SAPERNE DI PIU'