Cronaca Italia

Consip, capitano Ultimo e altri 20 carabinieri via dai Servizi Segreti: tornano all’Arma

Consip, capitano Ultimo e altri 20 carabinieri via dai Servizi Segreti: tornano all'Arma

Consip, capitano Ultimo e altri 20 carabinieri via dai Servizi Segreti: tornano all’Arma

ROMA – Addio ai servizi segreti per il capitano Ultimo, al secolo Sergio De Caprio, l’uomo che fu a capo dei Ros all’epoca della cattura di Totò Riina. De Caprio e altri 20 elementi transitati dai Carabinieri ai servizi segreti sono stati “restituiti” all’Arma. Il provvedimento, secondo quanto si apprende in ambienti di intelligence, sarebbe legato alla vicenda Consip e al fatto che alcuni elementi ex Noe, nel frattempo transitati ai servizi segreti, avrebbero continuato a collaborare alle indagini fatte da alcuni loro colleghi. “Il tutto a totale insaputa dei vertici dei servizi”.

“Molto dura” la decisione adottata dai responsabili dell’intelligence, di cui scrive oggi il quotidiano Il Tempo, che hanno ritenuto essere “venuto meno il rapporto di fiducia con queste persone”.

L’iniziativa, sempre secondo quanto si apprende in ambienti degli 007, è stata adottata “allo stato degli elementi attualmente in possesso dei servizi”, i quali sottolineano la loro “totale estraneità” alle attività dei carabinieri “restituiti”.

Sergio De Caprio, è l’ex vice comandante del Noe rimosso dopo l’uscita di un’intercettazione del Noe tra Renzi e il generale della Gdf Adinolfi. Alle sue dipendenze lavorava il capitano Scafarto che nell’ambito dell’indagine del pm di Napoli Woodcock attribuì al papà di Renzi (anziché a Italo Bocchino) una telefonata con l’imprenditore Romeo.

To Top