Blitz quotidiano
powered by aruba

Coop, prodotti con materie prime importate. Guarda etichetta

ROMA – Sono decine i prodotti a marchio Coop fatti con materie prime d’importazione: dalla pasta al prosciutto, dalle merendine ai sottaceti e all’olio d’oliva. Anche nelle filiere agricole che gli esperti considerano più a rischio: grano, latte, olio extravergine, ortofrutta. Ricorda Libero che questo riguarda ogni linea di prodotto, anche quelli etichettati come “Bio” e la “Fiorfiore”. E d’importazione, ricorda Libero, sarebbero anche alcune delle materie utilizzate negli alimenti per i neonati.

Come scrive Attilio Barbieri su Libero Quotidiano,

il gioco di risalire al luogo di provenienza degli ingredienti per i prodotti targati Coop è facile perché la corazzata cooperativa guidata da Marco Pedroni ha rilasciato una applicazione per i telefonini, Coop Origini, attraverso la quale si può conoscere tutto o quasi sulla marca di casa. Le referenze italiane al 100 per cento sono tante, la maggioranza. Ma una quota non trascurabile, probabilmente superiore a un terzo, tolte Dop e Doc, contiene ingredienti d’importazione. Non male per un soggetto strettamente imparentato con la Legacoop che rappresenta un’infinità di produttori agricoli e contribuisce per svariati miliardi all’output agricolo azionale.

L’inclinazione ad approvvigionarsi all’estero, lo devo dire per obiettività, non è certo una prerogativa della Coop, tutt’altro. L’industria alimentare, con poche eccezioni, fa peggio. E non lo dice. Ecco, comunque, quel che ho scoperto.

Oltre alla galleria che compare nel post, i lettori possono togliersi lo sfizio di verificare in prima persona – anche da computer fisso – la provenienza di oltre mille referenze a marchio Coop. Qui il link da cui si accede all’elenco completo dei prodotti.

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE SU LIBERO QUOTIDIANO CLICCA QUI.

Immagine 1 di 20
  • Coop 20
Immagine 1 di 20

TAG: ,