Blitz quotidiano
powered by aruba

Corrado Canato cade da carrozzina: lo trovano sull’asfalto. E’ morto

PADOVA – Lo hanno trovato agonizzante sull’asfalto nella frazione di Brenta d’Abbà a Correzzola (Padova). Corrado Canato, disabile di 53 anni, è morto poco dopo in ospedale. L’uomo, forse stroncato da un malore o vittima di un pirata della strada, era caduto dalla sedia a rotelle sulla quale era costretto perché affetto da Sla.

La tragedia si è consumata domenica, poco dopo il pranzo in famiglia. Canato era uscito intorno alle 14 da casa dei genitori: si è diretto lungo l’argine del Brenta a circa 5 km dall’abitazione e non è più tornato.

Come riporta Il Mattino di Padova:

Corrado Canato aveva 53 anni e da qualche anno era stato colpito da Sla. Una malattia che, nonostante lo avesse debilitato fisicamente, non gli aveva ancora strappato la voglia di vivere, di lottare e di godersi fino all’ultimo e con pienezza ogni giornata. La famiglia, la moglie, il figlio. E una carrozzina motorizzata che gli permetteva di spostarsi autonomamente, di girare per le strade, di sentirsi ancora autosufficiente, libero e spensierato.

Ieri pomeriggio, dopo avere pranzato nella casa dei genitori a Civè di Correzzola, aveva deciso di fare un giretto, come tante altre volte in passato.

Ha salutato tutti ed è partito con il mezzo che aveva sempre padroneggiato. Nessuno avrebbe mai immaginato fosse l’ultima volta che lo vedeva. Dopo pochi chilometri, in via Castaldia a Brenta d’Abbà, però è caduto. Potrebbe essere stato a causa di un malore, di una distrazione o di un buca sull’asfalto. Poco conta a questo punto. Quando lo hanno trovato disteso a terra e sono stati chiamati i soccorsi era ancora vivo, anche se privo di conoscenza.

I sanitari hanno cercato di rianimarlo sul posto, per poi lanciarsi a sirene spiegate in una disperata corsa in ambulanza verso l’ospedale. Corrado purtroppo non ce l’ha fatta.

Aveva vissuto la maggior parte della sua vita a Civè, dove era rimasto anche dopo il matrimonio e la nascita del figlio. Solo negli ultimi anni, a seguito dell’insorgere della malattia, si era trasferito a Padova per curarsi.

Non mancava però di tornare appena possibile alla casa di famiglia intorno alla quale vivono anche i parenti più stretti. La carrozzina motorizzata era diventata la sua seconda pelle. Ne aveva pieno pos ed era diventato molto esperto nell’uso.

 

 


TAG: ,