Cronaca Italia

Cultura rom non basta a giustificare l’accattonaggio con minori: sentenza a Torino

Cultura rom non basta a giustificare l'accattonaggio con minori: sentenza a Torino

Cultura rom non basta a giustificare l’accattonaggio con minori: sentenza a Torino

TORINO – Accettare uno stile di vita come quello dei rom non permette di chiedere l’elemosina portando con sé una neonata perché la condotta ha rilevanza penale. Possono però essere concesse le attenuanti generiche in ragione dell’appartenenza etnica. Anche su queste basi un giudice torinese ha condannato a dieci mesi di carcere una donna di un campo nomadi che fra il novembre del 2014 e il febbraio del 2015 era stata vista mendicare in una strada periferica, all’aperto e in pieno inverno, con in braccio la figlioletta di poche settimane.

Stessa pena è stata inflitta al compagno. Entrambi sono punibili, secondo la giudice, perché “l’accettazione di un determinato stile di vita, seppure radicato nella cultura e nei costumi di una comunità, non può escludere la rilevanza penale” soprattutto se “vengono coinvolti principi fondamentali dall’essere umano”.

Ma se l’appartenenza etnica “non discrimina la condotta”, consente comunque di beneficiare delle attenuanti. In ogni caso, a differenza di quanto affermava l’accusa, il reato non è quello di maltrattamenti in famiglia, che richiede un certo grado di consapevolezza, ma quello meno grave di accattonaggio con minori. Siccome “è verosimile” che in futuro ricorreranno a simili espedienti per sopravvivere, gli imputati non hanno ottenuto la condizionale: oggi sono irreperibili, ma se verranno rintracciati – a sentenza definitiva – scatterà l’arresto.

To Top