Blitz quotidiano
powered by aruba

Cuneo, alpinista Marilena Re precipita per 20 metri: morta sul colpo

ROASCHIA (CUNEO) – Una alpinista è morta sulla palestra di arrampicata sportiva di Roaschia, in valle Gesso, sulle Alpi cuneesi, domenica 27 novembre. Secondo una prima ricostruzione, la donna, Marilena Re, commessa di 41 anni, era impegnata con un gruppo di amici sulla falesia di calcare oltre la borgata Tetti Chiotti.

Arrivata quasi in cima, è precipitata al suolo da un’altezza di 20 metri, ancora non è chiaro perché. Gli amici hanno subito allertato i soccorsi, che sono stati immediati, ma per la donna, residente a Dronero (Cuneo), non c’è stato nulla da fare. Secondo una prima ricostruzione, a farla precipitare sarebbe stato un errore tecnico con la corda di sicurezza quando ormai la vittima era quasi al termine dell’arrampicata. La donna è morta sul colpo. Sulla stessa parete quest’anno era già morta un’altra donna, come ricorda Erica Di Blasi su Repubblica.

 

 


PER SAPERNE DI PIU'