Cronaca Italia

Daniele Milan morto alle terme di Montegrotto: malore fatale dopo i fanghi

Daniele Milan morto alle terme di Montegrotto: malore fatale dopo i fanghi

Daniele Milan morto alle terme di Montegrotto: malore fatale dopo i fanghi

PADOVA – Ha fatto i fanghi e poi si è recato in piscina per rilassarsi, ma un malore lo ha stroncato. Daniele Milan, 60 e residente a Casier, è morto il 5 marzo nella piscina delle terme di Montegrotto, vicino Padova. A trovare il corpo senza vita dell’operaio è stato un addetta ai reparti del fango dell’hotel Sollievo dove l’uomo era in cura.

Gianni Biasetto sul Mattino di Padova scrive che Milan si recava da giorni alle terme di Montegrotto per sottoporsi ad un ciclo di sedute di fangoterapia. L’uomo, un operaio e sposato, è stato trovato senza vita nella vasca da bagno del camerino dove poco prima gli era stato accusato il fango:

“Sembra che la causa del decesso del sessantenne, che soffriva di crisi epilettiche e che da una decina di giorni, tutte le mattine, si recava al Sollievo, da cliente “esterno” e rientrava a Casier una volta terminata la seduta, sia da imputare ad un arresto cardiaco. La salma è stata trasportata all’obitorio della Casa di cura di Abano dove quasi sicuramente verrà sottoposta, su ordine della magistratura, all’autopsia per capire meglio le cause della morte.

Milan, che era nato il 14 agosto del 1956 a Olten (Svizzera), prima di iniziare il ciclo di cure termali si era sottoposto agli accertamenti medici previsti. Anche ieri mattina (il ciclo di cure fangoterapiche di norma prevede 12 sedute), il trevigiano è arrivato in albergo poco dopo le 9. Raggiunto il reparto cure, è stato preso in consegna dal “fanghino”. Dopo la cura del fango, si era immerso nella vasca di acqua termale dove i clienti rimangono alcuni minuti per rilassarsi prima dell’eventuale massaggio. Sul posto, per gli accertamenti, i Carabinieri di Abano Terme”.

To Top