Blitz quotidiano
powered by aruba

Daniele Rebeschini morto, si è tolto la vita perché non trovava lavoro

ROMA – Potrebbe esserci un motivo legato all’impossibilità di trovare un lavoro dietro all’estremo gesto di Daniele Rebeschini, il 22enne morto suicida domenica sera, 30 ottobre, a Massanzago, in provincia di Padova.

A sostenerlo, riporta Il Gazzettino, sono gli zii e i cugini del giovane che parlano di un ragazzo alle prese con un sofferenza per colpa del lavoro. “Non sappiamo bene se Daniele soffrisse di depressione ma certamente non riusciva a trovare lavoro. Era disperato. Aveva provato dappertutto ricevendo sempre porte in faccia” hanno raccontato i parenti.

Prima di togliersi la vita Daniele aveva lasciato un messaggio vocale su Whatsapp a tutti i suoi amici nel quale diceva che li amava, che con loro aveva vissuto bene e che in loro compagnia si era divertito molto, ma li informava anche che quella sarebbe stata l’ultima volta che avrebbero sentito la sua voce.

Il corpo senza vita di Daniele è stato trovato dalla madre lungo un canale in località Zeminiana. Il ragazzo si è ucciso impiccandosi ad un albero.


TAG: