Cronaca Italia

Domenico Diele, l’attore andava a 159 km/h al momento dell’incidente

Domenico Diele, l'attore andava a 159 km/h al momento dell’incidente

Domenico Diele, l’attore andava a 159 km/h al momento dell’incidente

ROMA – Domenico Diele viaggiava a 159 chilometri orari al momento dell’impatto con lo scooter guidato dalla 48enne Ilaria Dilillo. Lo avrebbe rivelato la scatola nera installata all’interno dell’auto dell’attore 31enne, accusato di omicidio stradale aggravato e attualmente agli arresti domiciliari in casa della nonna, a Roma.

Il dato è emerso dalla nuova perizia disposta dall’accusa, rappresentata dal sostituto procuratore Elena Cosentino, per determinare con certezza cosa sia accaduto nella notte tra il 23 e il 24 giugno a Montecorvino Pugliano, in provincia di Salerno, quando l’auto di Diele ha travolto e ucciso la 48enne Dilillo nei pressi di un’uscita autostradale.

Subito dopo l’incidente Diele era stato arrestato e portato nel carcere di Fuorni. Qui ha trascorso alcuni giorni, in quanto il carcere aveva terminato i braccialetti elettronici a propria disposizione. Una volta ricevuto il dispositivo, l’attore è stato posto agli arresti domiciliari nell’abitazione della nonna.

Secondo quanto accertato subito dopo l’incidente, l’auto di Diele, che era di ritorno da una festa a Matera, avrebbe tamponato violentemente lo scooter condotto dalla 48enne Dilillo, che rientrava da una serata trascorsa assieme ad amici. La donna è poi morta sul colpo a causa dei traumi riportati nella caduta. Gli esami tossicologici hanno rivelato che Diele guidava sotto l’effetto di droghe. Successivi accertamenti hanno svelato che l’attore non avrebbe potuto mettersi alla guida: la patente era stata sospesa sempre per problemi di dipendenza dagli stupefacenti.

 

To Top