Blitz quotidiano
powered by aruba

Don Luciano Massaferro libero dopo condanna molestie a…

SAVONA – Don Luciano Massaferro, ex parroco di San Vincenzo in Alassio, è stato liberato dopo la condanna a 7 anni e 8 mesi di carcere per le accuse di molestie ad una chierichetta minorenne della sua parrocchia. “Sono un uomo liberato”, ha detto Don Lu, come lo chiamano in paese, mentre riabbracciava sorella Annamaria. L’uomo è stato in carcere e ha raccontato di aver pregato per sette anni dopo la condanna in Cassazione per molestie sessuali.

Paolo Crecchi sul Secolo XIX scrive che don Luciano ha saldato i suoi debiti con la giustizia, cioè una condanna a 7 anni per abusi su una minorenne. Per lui finito sia il periodo in carcere, dopo l’arresto il 29 dicembre 2009, che quello di affidamento ai servizi sociali alla Casa della Carità di Imperia:

“La porta a vetri del centro di accoglienza della Caritas di Imperia si è chiusa alle sue spalle all’alba, dopo il carcere è terminato anche l’affidamento ai servizi sociali. Niente messa delle 8 nella basilica di San Giovanni, come ogni domenica, accanto alla statua di San Leonardo pretesa da Scajola per dare un patrono alla sua città, divisa tra il Battista e San Maurizio. La devozione popolare è la stessa che lo ha assolto, ma dopo le ammissioni di colpa del cardinale Pell e l’Oscar al film Spotlight, inchiesta sui preti di Boston, sono giorni delicati.

«Ho pregato per sette anni», sospira don Lu, e sorella Annamaria bofonchia che è stato ingenuo a dare sempre confidenza a tutti, «un prete o una suora devono stare attenti», quante volte glielo ha ripetuto di essere meno esuberante? Anche stamattina, con il vento che tira e il freddo pungente malgrado il sole che sfolgora, «in motorino dovevi venire fino qui, ragazzo mio»?”.


PER SAPERNE DI PIU'