Blitz quotidiano
powered by aruba

Donna incinta muore in ospedale: aveva negato la gravidanza

CAMPOBASSO – La Direzione sanitaria dell’ospedale Cardarelli di Campobasso, coadiuvata dalla Unità aziendale di gestione del rischio clinico, ricostruisce in una nota la vicenda della giovane donna incinta morta questa la mattina di oggi 19 marzo, affermando di aver “preliminarmente verificato la appropriatezza e la regolarità delle condotte in proposito mantenute”.

“La paziente, accompagnata in ospedale dai sanitari del 118 durante la notte per quadro clinico cui è stato attribuito codice di priorità verde – riferisce il direttore sanitario dell’ospedale, Luigi Di Marzio – è stata tempestivamente visitata dai sanitari in servizio presso il pronto soccorso. Ad essi ha riferito dolori addominali, negando gravidanza in atto; in assenza di qualsiasi ulteriore segno clinico è stata trattata per tale sintomatologia che, prontamente regredita le ha consentito di tornare al proprio domicilio dopo circa un’ora”.

Quindi la ricostruzione fornita dall’ospedale si sposta a questa mattina: “Nelle prime ore della giornata la paziente è stata nuovamente condotta in ospedale dai sanitari del 118 in stato preagonico conseguente a gravissimo stato di shock con midriasi, poiché rinvenuta esanime nel bagno di casa dopo aver espulso, all’insaputa dei familiari, un feto dell’apparente età gestazionale di circa cinque mesi. Immediatamente condotta in sala operatoria è stata intubata e sottoposta a manovre di rianimazione cardiopolmonare, che purtroppo non hanno ottenuto esito favorevole, comportando la constatazione dell’inevitabile decesso”. Le salme sono a disposizione dell’autorità giudiziaria competente per gli accertamenti di rito.