Cronaca Italia

Emilio Fede condannato a 3 anni e mezzo di carcere per concorso in bancarotta

Emilio Fede rischia 3 anni di carcere per concorso in bancarotta con Lele Mora

Emilio Fede rischia 3 anni di carcere per concorso in bancarotta con Lele Mora

MILANO – Emilio Fede è stato condannato a 3 anni e mezzo di carcere per concorso in bancarotta con Lele Mora. I giudici del Tribunale di Milano hanno condannato Fede nell’ambito della vicenda legata al fallimento della società di Lele Mora, che ha patteggiato, e del presunto dirottamento a suo favore di 1,1 milioni di euro della somma stanziata da Silvio Berlusconi per salvare la società dell’ex talent scout.

Il Tribunale ha anche stabilito che Emilio Fede risarcisca per intero e immediatamente la somma distratta all’impresa individuale Dario Mora, la curatela del fallimento. Il pm di Milano Eugenio Fusco aveva chiesto una condanna a 3 anni di reclusione per l’ex direttore del Tg di Rete 4.

Il pm ha spiegato che la somma versata dall’ex premier è stata “distratta dal fallimento e divisa con Fede ma anche trattenuta da Mora” per i suoi “capricci inutili”. “Quel finanziamento – ha detto – sarebbe servito per sanare la disastrosa situazione in cui versava l’impresa di Mora. Quei denari non dovevano essere dirottati in parte a Fede per i suoi buoni uffici presso Berlusconi. Non ne aveva diritto”.

Il pm nel chiedere la condanna è partito da una pena base di 4 anni. Considerando poi il comportamento processuale positivo di Fede ha proposto il riconoscimento delle attenuanti che hanno portato a ridurre la richiesta di pena a tre anni di carcere. L’avvocato di parte civile per la procedura fallimentare Davide Sangiorgio ha chiesto la liquidazione dell’integrale importo che sarebbe stato distratto pari a un milione e 100 mila euro e in subordine una provvisionale di 660 mila euro.

To Top