Blitz quotidiano
powered by aruba

Esercito, fino a 10mila euro per passare il concorso: arresti

NAPOLI – Tangenti fino a 10mila euro per superare il concorso di volontario nell’Esercito Italiano in ferma prefissata. La Procura di Napoli ha ordinato l’arresto di diverse persone con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di più delitti di corruzione. I soldi venivano consegnati per ottenere informazioni “riservate” sui test di accesso e segnalazioni per le prove di reclutamento del 2015. In manette sono finiti 4 militari, arrestati dalla Guardia di Finanza, mentre per un membro della Guardia di Finanza e altre due persone è stato notificato l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

Nell’operazione scattata la mattina del 19 luglio la Guardia di Finanza ha eseguito perquisizioni personali e locali alla ricerca di eventuali prove relative alle posizioni di un’altra cinquantina di candidati che – secondo l’ipotesi investigativa – si sarebbero rivolti agli stessi militari per superare il concorso. Secondo gli investigatori, gli indagati avevano messo in piedi un ampio e articolato “sistema” di acquisizione di informazioni e atti riservati relativi ai test di accesso e di “segnalazioni” per il superamento del concorso, sfruttando una fitta rete di relazioni personali.