Cronaca Italia

Fabio Di Lello, gli avvocati: “In carcere piange in continuazione”

Fabio Di Lello e Roberta Smargiassi (foto Ansa)

VASTO – “Fabio Di Lello in carcere sta malissimo – hanno raccontato gli avvocati Pierpalo Andreoni e Giovanni Cerella, come riporta Fanpage – piange in continuazione e non riesce a venire fuori da questo stato di prostrazione”. Al Gip Caterina Salusti, i due avvocati di Fabio Di Lello hanno presentato un’istanza perché vengano concessi gli arresti domiciliari “per la grave situazione psicologica in cui versa”.

Fabio Di Lello, due settimane fa, ha u****o con tre colpi di pistola Italo D’Elisa davanti a un bar di viale Perth:, a Vasto. Per la procura, che procede per omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, si è trattato di un’atroce vendetta. Di Lello si è vendicato della morte della moglie, Roberta Smargiassi, 34 anni, travolta e u****a sette mesi e mezzo fa dall’auto condotta dal 21 enne.

I timori di chi gli sta più vicino, a cominciare dalla famiglia e da sua madre, è che Di Lello possa commettere un altro gesto estremo: “Si è lasciato andare piano piano – ha raccontato pochi giorni la mamma – Soffrivamo molto nel vederlo così: si trascurava ed era ingrassato di 30 chili. Il nostro timore era che potesse suicidarsi, ma nessuno poteva immaginare questa tragedia. Avrei dovuto fare di più per aiutarlo”.

To Top