Cronaca Italia

Fabio Di Lello, gli avvocati: “In carcere piange in continuazione”

Fabio Di Lello e Roberta Smargiassi (foto Ansa)

VASTO – “Fabio Di Lello in carcere sta malissimo – hanno raccontato gli avvocati Pierpalo Andreoni e Giovanni Cerella, come riporta Fanpage – piange in continuazione e non riesce a venire fuori da questo stato di prostrazione”. Al Gip Caterina Salusti, i due avvocati di Fabio Di Lello hanno presentato un’istanza perché vengano concessi gli arresti domiciliari “per la grave situazione psicologica in cui versa”.

Fabio Di Lello, due settimane fa, ha ucciso con tre colpi di pistola Italo D’Elisa davanti a un bar di viale Perth:, a Vasto. Per la procura, che procede per omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, si è trattato di un’atroce vendetta. Di Lello si è vendicato della morte della moglie, Roberta Smargiassi, 34 anni, travolta e uccisa sette mesi e mezzo fa dall’auto condotta dal 21 enne.

I timori di chi gli sta più vicino, a cominciare dalla famiglia e da sua madre, è che Di Lello possa commettere un altro gesto estremo: “Si è lasciato andare piano piano – ha raccontato pochi giorni la mamma – Soffrivamo molto nel vederlo così: si trascurava ed era ingrassato di 30 chili. Il nostro timore era che potesse suicidarsi, ma nessuno poteva immaginare questa tragedia. Avrei dovuto fare di più per aiutarlo”.

San raffaele
To Top