Cronaca Italia

Fabrizio Corona condannato a un anno ed esulta: “Giustizia è fatta”

Fabrizio Corona condannato a un anno ed esulta: "Giustizia è fatta"

Fabrizio Corona condannato a un anno ed esulta: “Giustizia è fatta”

MILANO – Fabrizio Corona è stato condannato a un anno di carcere dal Tribunale di Milano nel processo per i 2.6 milioni di euro in contanti trovati nel controsoffitto di una suo appartamento e in cassette di sicurezza in Austria. Una sentenza che fa esultare Corona al grido di “giustizia è fatta”. D’altronde l’ex fotografo dei vip è in carcere dallo scorso ottobre e avrebbe già quasi scontato tutta la sua pena.

L’ex agente fotografico era stato nuovamente arrestato lo scorso 10 ottobre mentre era in affidamento in prova ai servizi sociali per scontare condanne già definitive. Il collegio, presieduto da Guido Salvini, ha anche condannato a tre mesi a collaboratrice di Corona, Francesca Persi.

Ha esultato in aula battendo i pugni sul tavolo e dicendo ‘sì, giustizia è fatta’, Fabrizio Corona alla lettura della sentenza con cui è stato condannato a un anno a Milano. Sono cadute infatti due imputazioni, l’intestazione fittizia dei beni in relazione ai soldi in contanti, e la violazione delle norme patrimoniali sulle misure di prevenzione. L’ex agente fotografico è stato condannato solo per il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. Alberto Dandolo di Oggi scrive su Dagospia:

“In quel del Tribunale di Milano gira voce che Fabrizio Corona, 43, tra pochi giorni uscirà di prigione e tornerà nella comunità di Don Mazzi, dove intraprenderà un nuovo percorso riabilitativo. Riuscirà l’agente fotografico a mettere la testa a posto e a non infrangere più la legge? Si dice che voglia cambiare vita e che una volta uscito chiederà alla sua fidanzata Silvia Provvedi di sposarlo. Solo parole? Ah, saperlo…”.

Con la sentenza di condanna a un anno per sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, è stata però revocata la misura cautelare che aveva portato in carcere l’ex agente fotografico lo scorso 10 ottobre. E ciò perché sono cadute due delle tre imputazioni tra cui quella di intestazione fittizia di beni che giustificava la misure cautelare.

Corona, tuttavia, resta in carcere per scontare i circa 5 anni restanti di cumulo delle p**e definitive, anche perché lo scorso novembre, dopo l’arresto per la vicenda dei 2,6 milioni di euro in contanti, il tribunale di sorveglianza di Milano ha revocato l’affidamento in prova ai servizi sociali. I legali di Corona, gli avvocati Ivano Chiesa e Luca Siritti, tuttavia, hanno già preannunciato che presenteranno un’istanza per la concessione dell’affidamento in prova che potrebbe far uscire dal carcere l’ex re dei paparazzi.

To Top