Cronaca Italia

Federica Lucchesi, 800 curriculum in 2 anni, ma “nessun lavoro perché sono sovrappeso”

Federica Lucchesi, 800 curriculum in 2 anni, ma "nessun lavoro perché sono sovrappeso"

Federica Lucchesi, 800 curriculum in 2 anni, ma “nessun lavoro perché sono sovrappeso”

LIVORNO – In due anni ha inviato 800 curriculum, ma non ha ottenuto nessun contratto di lavoro. Il motivo? E’ sovrappeso. Questa, almeno, è la denuncia di Federica Lucchesi, una giovane di 25 anni di Livorno, che ha raccontato al quotidiano Il Tirreno la propria storia.

La giovane spiega che talvolta l’eccesso di peso le ha impedito persino di fare una prova per dimostrare che il lavoro lo sa fare. La selezione da parte dei potenziali datori avviene, racconta lei, anche solo con un’occhiata. E’ andata così, racconta Federica al giornale, per esempio in un ristorante, in uno stabilimento balneare.

Quando si presenta in un altro ristorante dopo aver visto il cartello ‘Cercasi cameriera’, la proprietaria la squadra e dice: “Non vai bene, non credo che saresti abbastanza veloce tra i tavoli”. In altri casi, anche se ha superato la prova, dopo aver lavorato sodo, il contratto le viene negato.

“Sono passata da un lavoro all’altro senza soste, ma pur di fare qualcosa non mi sono mai fermata”,

ha raccontato la giovane al Tirreno.

“La catastrofe inizia quando vado via dal servizio civile che facevo negli asili. Sapevo che non poteva durare, cercavo il futuro”.

Dopo aver inviato diversi curriculum, la chiamano per un posto in un ristorante. E’ la prima candidata a presentarsi, le altre ritardano. Aspetta per 45 minuti, poi fa la prova da sola. “Sei brava, domani ti chiamiamo e inizi subito”, le dicono, ma non la chiamano. Quando chiama lei, i proprietari si negano. Alla fine Federica si presenta di persona al ristorante e scopre che hanno assunto un’altra ragazza.

Così anche in altri casi. Si presenta per un posto da cameriera. La proprietaria la squadra e poi le dice: “Non vai bene, non credo che saresti abbastanza veloce fra i tavoli”.

 

 

To Top