Cronaca Italia

Ferrara, a 16 anni chiedevano “pizzo” a studenti più piccoli

Ferrara, a 16 anni chiedevano "pizzo" a studenti più piccoli

Ferrara, a 16 anni chiedevano “pizzo” a studenti più piccoli

FERRARA – Chiedevano il pizzo a 16 anni, a scuola, ai ragazzini più piccoli. Piccole cifre, anche di un euro, ma lo facevano con botte, percosse e violenze verbali e non solo. Atti che si sono trasformati in accuse di estorsione, rapine, percosse e altro.

E’ accaduto nella zona di Portomaggiore, nel Ferrarese. Dall’inizio della scuola le giornate in classe e fuori dall’istituto erano diventate un incubo per tre ragazzini, più piccoli dei bulli 16enni: ricatti, offese, violenze per alcuni mesi, fino a fine novembre, quando la rete tra genitori, professori, scuola e gli stessi compagni di classe ha attivato i carabinieri. I militari del Nucleo operativo e radiomobile di Portomaggiore, dopo diverse settimane di indagini, hanno denunciato alla Procura dei minorenni di Bologna due sedicenni, mentre un terzo ragazzino è stato segnalato in quanto non ancora 14enne e quindi non punibile.

A far partire materialmente le indagini è stata la segnalazione della direzione della scuola. I tre bulli, oltre ai procedimenti penali, dovranno far fronte ai provvedimenti che la Direzione scolastica adotterà nei loro confronti. I tre sono già stati interrogati, alla presenza dei difensori, e sono stati ‘invitati’ a non continuare nei loro atteggiamenti, pena l’aggravamento dei provvedimenti. Un deterrente che starebbe funzionando.

To Top