Blitz quotidiano
powered by aruba

Ferrara, detenuto aggredisce agente in carcere: pugni e…

FERRARA – Aggressione ad un agente carcerario da parte di un detenuto dell’Arginone, qualche giorno dopo la denuncia dei sindacati sulla gestione del carcere. Il tutto è accaduto il 14 aprile, verso le 17, come riferito da Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe e Francesco Campobasso, segretario regionale.

Un detenuto di origine rumena detenuto si è avvicinato ad un agente della polizia penitenziaria parlandogli nella sua lingua; poiché aveva in mano un modulo solitamente usato per fare specifiche richieste l’agente lo ha invitato a metterlo nella buca della posta, “per tutta risposta il detenuto gli sferrava un pugno sul muso, provocandogli un taglio al labbro. A quel punto – continua il racconto dei sindacalisti – il detenuto si rifugiava nella sua cella, dove utilizzava due pezzi di vetro, ricavati dalla rottura dello specchio, per cercare di allontanare gli altri agenti intervenuti”.

Un sovrintendente, nella colluttazione seguita al tentativo di bloccarlo, è rimasto ferito. L’agente ed il sovrintendente sono stati portati in ospedale per le cure del caso e sono stati dimessi con una prognosi di dieci giorni. “Questa è la situazione assolutamente ingestibile che esiste presso il carcere di Ferrara, dove il personale di polizia penitenziaria è ormai stanco di subire aggressioni tutti i giorni” concludono i rappresentanti del Sappe.