Cronaca Italia

Figlio frustato a scuola, papà denuncia e poi…picchia moglie incinta e finisce in carcere

Figlio frustato a scuola, papà denuncia e poi...picchia moglie incinta e finisce in carcere

PADOVA – Il figlio di appena 12 anni era stato legato e frustato in palestra durante l’ora di ginnastica e il padre, giustamente, ha denunciato gli studenti e l’insegnante della scuola media. Poi una settimana dopo lui picchia la moglie incinta di 9 mesi e stavolta a denunciarlo è proprio lei: ai carabinieri, intervenuti per l’ennesima lite in casa, non è rimasto altro da fare che arrestare l’uomo.

La storia di aggressioni e violenza arriva da Padova e vede coinvolta una intera famiglia. L’uomo, 35 anni e originario della Tunisia, aveva denunciato in questura i maltrattamenti subiti dal figlio di 12 anni nelle aule della scuola media Petrarca di Padova. Poi nella notte tra sabato 4 e domenica 5 febbraio a chiamare il 112 è stata la moglie del tunisino, che è al nono mese di gravidanza, scrive Luca Ingegneri sul quotidiano Il Gazzettino:

“R.B., tunisino, 35enne, è tornato suo malgrado alla ribalta delle cronache. Perché nella notte tra domenica e lunedì i carabinieri del Nucleo radiomobile di via Rismondo l’hanno arrestato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Il magrebino, sul groppone precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti, è stato accompagnato in una cella del carcere Due Palazzi. È stata la moglie ad allertare il 112. La donna, anch’essa tunisina, di 39 anni, al nono mese di gravidanza, aveva appena subìto l’ennesima aggressione da parte del consorte. E temeva per le sorti del piccolo che porta in grembo. Nel piccolo appartamento di via Speroni le liti erano praticamente all’ordine del giorno”.

To Top