Cronaca Italia

FIlippo Speretta punto da un’ape: shock anafilattico e coma per l’operaio

FIlippo Speretta punto da un'ape: shock anafilattico e coma per l'operaio

FIlippo Speretta punto da un’ape: shock anafilattico e coma per l’operaio

TREVISO – Una puntura di ape mentre stava lavorando, lo shock anafilattico e poi il coma. Filippo Speretta, operaio di 44 anni di San Stino di Livenza, è ricoverato in ospedale a San Donà, in provincia di Treviso, da giovedì 27 luglio in condizioni disperate.

Marco Corazza sul quotidiano Il Gazzettino scrive che Speretta, padre di un bambino, è in coma ormai da una settimana proprio a causa del violento shock anafilattico per la puntura dell’ape:

“Il dramma è accaduto giovedì, mentre Speretta stava aiutando in padre a spostare una asciugatrice. «È accaduto tutto in un attimo – racconta uno zio -. Filippo è stato punto alla schiena da un’ape. Immediato lo shock anafilattico. E Filippo si è accasciato a terra ed ha iniziato a gonfiarsi. Il padre lo ha caricato in auto ed è corso in ospedale a Portogruaro».

Una corsa contro il tempo per salvare Filippo. «La prognosi è tanto più grave quanto più breve è il tempo che intercorre puntura e il manifestarsi dello shock», dicono i medici. Filippo è giunto in ospedale privo di conoscenza e in arresto cardiaco. I medici lo hanno rianimato e poi trasferito in terapia intensiva a San Donà. «Le sue condizioni sono critiche», dicono i parenti.

Al capezzale dell’uomo la moglie, titolare di una pizzeria, che spera di riabracciare Filippo che lavora a Cessalto in una fabbrica di lavatrici industriale”.

To Top