Cronaca Italia

Formello, affitta la villa e scopre che è diventata un club privè

Formello, affitta la villa e scopre che è diventata un club privè

Formello, affitta la villa e scopre che è diventata un club privè

ROMA – Una villa a Formello affittata a una associazione e una notizia sul quotidiano di Roma il Messaggero sono al centro di una aspra polemica tra la proprietaria, Cristina Vajola, e il presidente della Associazione Assotervip, Marco Malzone.

Cristina Vajola ha rilasciato dichiarazioni al Messaggero in cui la signora lamenta una trasformazione a suo giudizio troppo radicale della villa. Marco Malzone ha fatto scrivere dal suo avvocato, Gino Bazzani, in cui smentisce tutto, cita a garanzia anche le ispezioni del Nas dei Carabinieri e invita Blitz, che ha rilanciato la notizia del Messaggero, a scegliere il proprio personale con una “giusta selezione”.

Racconta la donna in una intervista a Veronica Cursi sul Messaggero,

“dopo alcuni problemi iniziali di pagamento, la donna ha deciso di recarsi personalmente alla sua ex abitazione, trovandoci una sorpresa. Un cartello appeso fuori con la scritta “La villa di Formello” che, dopo averlo cercato su internet ha portato alla luce la verità”.

La sua villa è un club privé,

“con tanto di cene in lingerie, party in piscina, pubblicizzate nelle chat erotiche, serate mascherate e video su YouTube. Un locale aperto dal mercoledì al sabato con prezzi tra i 60 e gli 80 euro”.

Scrive il quotidiano che la donna ha anche esposto il tutto ai carabinieri, senza che però la situazione cambiasse.

“La casa è irriconoscibile, la camera da letto dei miei genitori è diventata la sala coppie con tanto di grate appese al muro. Ci sono camere per incontri al buio, lì dove c’erano i saloni c’è un sex restaurant con 50 coperti, due bar e una discoteca senza che ci siano i permessi né della Asl, né della Siae per svolgere attività di pubblico intrattenimento”.

La replica di Marco Malzone (Clicca qui per leggere il PDF).

To Top