Blitz quotidiano
powered by aruba

Fornolosa, il paese italiano dove la notte dura 4 mesi

Fornolosa, sotto al Gran Paradiso, resta quasi 4 mesi all'ombra: il sole è tornato alle 14 e 20 del 15 febbraio, l'ultima volta alle 14 e 20 del 26 ottobre

ROMA – Fornolosa, il paese italiano dove la notte dura 4 mesi. Il giorno di San Valentino, alle 14 e 20, un raggio di sole è tornato dopo quasi quattro mesi a posarsi sulla fontana al centro di Fornolosa, frazione di Locana, un paesino incastonato sulla strada verso il Gran Paradiso, la grande montagna che lo sovrasta nascondendolo. Un piccolo raggio che testimonia l’esistenza del sole: sì, perché chi il 26 ottobre non ha visto con i suoi occhi l’ultimo raggio di sole sulla stessa fontana posarsi sempre alle 14 e 20, potrebbe davvero dubitare che un sole anche pallido si affacci mai su questa contrada.

Il fatto è che i pochi abitanti, a cavallo dell’anno, gli ultimi e i primi due mesi, restano letteralmente all’ombra. C’è una incudine di roccia che li sottrae al bacio dei raggi solari: Punta Balma, il “munt dla Balma”, questo sperone di montagna, incombe sulla frazione escludendola dall’abbraccio solare. 500 metri in giù o 500 metri in su e si risale a riveder delle stelle l’astro più luminoso.

Giampiero Maggio de La Stampa è andato a chiedere di persona come sia vissuta questa stranezza ambientale, la prima volta dopo che all’inizio degli anni ’80 le telecamere di Domenica In si presentarono a Fornolosa. Agata Granato per esempio non sembra tanto contenta.

Viveva a Torino, a quel tempo: «E dalla finestra avevo un metro quadrato di cielo». Facile, allora, innamorarsi di Fornolosa. Quando seppe che il sole spariva ad ottobre per tornare soltanto a febbraio ormai era tardi: «Avevo già comprato casa, altrimenti non l’avrei mai presa. E infatti ora faccio la transumanza, come le mucche: dal giorno dei Santi, fino ad Aprile, viviamo nella casa di mio marito, a Pont. (Giampiero Maggio, La Stampa)