Blitz quotidiano
powered by aruba

Francesco Totti, sigilli a piscina villa genitori: abuso edilizio

ROMA – Sigilli, nel pomeriggio di martedì 14 settembre, ad una parte della villa dei genitori di Francesco Totti all’Axa. Ad apporli è stata la polizia municipale e l’intervento, stando a quanto riporta il Messaggero, è stato fatto su una piccola costruzione adibita a spogliatoio della piscina della villa.  A denunciare il presunto abuso edilizio e a far scattare l’operazione è stato un vicino di casa della coppia.

Non è la prima volta che per Totti ci sono piccoli problemi di questo tipo anche se, come riporta il Messaggero, il capitano della Roma si è sempre dimostrato estremamente attento alle regole:

Nel novembre di due anni fa, ad esempio, avrebbe tempestivamente chiesto il condono per una irregolarità edilizia – non addebitabile a lui – riscontrata nella villa che ha comprato nel comune di Sabaudia, sulle dune di Torre Paola. Il giocatore, per evitare l’abbattimento della cubatura irregolare aveva chiesto e ottenuto un condono aggiuntivo per una veranda esterna. Quei lavori – accertarono i tecnici – erano datati nel tempo e il Comune di Sabaudia ha dato al capitano l’ok perché sanabili in base al vecchio condono.

Sulla questione spogliatoio piscina, intanto, è stato aperto un fascicolo. Per ora la zona resta sigillata anche se un controllo esteso a tutto il resto della villa ha escluso altre possibili irregolarità sul piano dell’edilizia.