Blitz quotidiano
powered by aruba

Franco Scibilia, poliziotto insulta migranti: “Ho perso la testa ma…”

ROMA – “Ho sbroccato, ma chiedo scusa a tutti. Io non sono uno che insulta i migranti, se l’ho fatto è perché in quel momento, dopo ore sotto il sole, ho perso la testa“. Si difende così, parlando con Repubblica, Franco Scibilia, sostituto commissario che lo scorso fine settimana è stato immortalato in un video di Fanpage mentre insultava pesantemente alcuni migranti appena respinti al confine di Ventimiglia nel tentativo di raggiungere la Francia.

“È tutto un equivoco. Quando cammino e mando a fanculo, non mi rivolgo ai profughi, ma alla polizia francese che dopo una carica aveva lanciato i lacrimogeni contro di noi”. La polizia di Imperia ha inviato una segnalazione a quella di Genova: ora rischia un’azione disciplinare (il questore Vincenzo Montemagno non ha ancora visto il video). “Ero incazzato, lo ammetto, ho chiesto scusa, all’inizio ho detto delle parolacce ai migranti, ma non ho ucciso nessuno. Ora mi metterete di nuovo sulla graticola”.

Non è la prima volta però che Scibilia rimane coinvolto in episodi controversi. Su di lui pende infatti anche una condanna in primo grado insieme a tre anni e due mesi per falso e calunnia e a cinque di interdizione dai pubblici uffici per aver aggiustato verbali e perquisito senza autorizzazioni.