Blitz quotidiano
powered by aruba

Freddy Sorgato, mistero ricchezza. Movente Isabella Noventa?

PADOVA – Da dove veniva la ricchezza nelle mani di Freddy Sorgato? Secondo gli investigatori l’inchiesta sul suo patrimonio potrebbe portare alla soluzione sul caso di Isabella Noventa, la donna scomparsa vicino Padova e il cui corpo non è mai stato ritrovato. Ci si chiede come facesse Sorgato a mantenere un determinato stile di vita con uno stipendio di sole 1600 euro al mese (stando alle buste paga).

Scrive Marco Aldighieri sul Gazzettino:

Gli uomini della Guardia di Finanza hanno concluso le indagini patrimoniali sul ballerino 45enne di Noventa Padovana. Le Fiamme gialle hanno appurato che Freddy negli anni ha movimentato importanti somme di denaro. Tutti soldi non tracciati, per cui di dubbia provenienza.

Certo il quarantacinquenne, dietro alle sbarre con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere, percepiva lo stipendio di autotrasportatore ed è titolare della Maison Srl la società, ora controllata da sua madre Dolores Rossi, con cui preleva gli affitti di una decina di immobili di sua proprietà.

Carlo Bellotto sul Mattino di Padova entra nello specifico:

La Finanza ha “rivoltato come un calzino” la Maison srl, ma non è emerso come la società sia riuscita in pochi anni ad accumulare tanti beni. Tra case e pertinenze si arriva a 12 fabbricati. Due si trovano a Legnaro, in via Due Giugno, due a Noventa Padovana, in via Benvenuto Cellini. Gli altri otto sono invece a Padova: tre in via Antonio Cascino, a Mortise, due in via Vittorio Emanuele Orlando, sempre a Mortise, e tre in via Vigonovese, a Camin. La Maison, con sede in via dell’Industria a Padova, è fondata nel gennaio del 2005 con un capitale di 119 mila euro. Da quel momento in poi la società comincia a comprare immobili che poi darà in affitto. Immobili costati al ballerino 679 mila euro. Nell’ultimo bilancio societario si legge che attualmente la cassa della Maison Srl è di 51 mila 187 euro e che negli anni il finanziamento di Freddy è stato di 478 mila e 733 euro. Tanti e sempre troppi per le entrate – almeno quelle dichiarate – dall’uomo.

Immagine 1 di 12
  • Isabella Noventa: indagato il carabiniere Giuseppe Verde
Immagine 1 di 12

 

Bellotto poi fa il punto su un altro versante dell’inchiesta:

Le pistole di Debora

È arrivato dal Ris l’esito della perizia sulle pistole (una Beretta calibro 7,65 con colpo in canna e 71 proiettili e una Astra calibro 9 per 21 con 51 munizioni) sequestrate a Debora e detenute illecitamente. Non si sa se abbiano sparato ma è stato accertato che sono ininfluenti in merito all’inchiesta sull’omicidio della povera Isabella.