Cronaca Italia

Furti in casa: equazione “svela” dove colpiranno i ladri

Furti in casa: c'è equazione che dice dove colpiranno i ladri

Furti in casa

ROMA – Il centro di ricerca Transcrime dell’Università Cattolica di Milano e dell’Università di Trento hanno messo a punto una sorta di “equazione” per stabilire quando e dove è più probabile che si verifichino furti nelle abitazioni.

Il dato complessivo, come scrive Il Giornale, è drammatico:

dal 2008 a oggi (cioè dall’inizio della crisi economica), i colpi in casa sono aumentati del 61%. E tra 2013 e 2014 sono passati da 251.422 a 255.886. Le cronache recenti hanno evidenziato come, in alcuni casi, le irruzioni nelle case finiscano in modo drammatico. le città più colpite (in rapporto al numero di abitanti) sono, a sorpresa, non Milano e Roma o Napoli, ma Ravenna, Asti, Torino, Pavia e Lucca.

Lo studio delle università di Milano e Trento permette di evidenziare quali sono i fattori che mettono a rischio un’abitazione e quali i fattori protettivi.

Sotto la lente sono state messe tre città: Milano, Roma e Bari. Non sono le case isolate ad essere a rischio nelle grandi città. Gli alti valori immobiliari attraggono di più i ladri perchè aumentano le aspettative di guadagno dei ladri. A Roma i furti sono associati a un’alta presenza di residenti over 70. A Milano e Bari, invece, i furti si sono registrati con più frequenza nelle vicinanze di negozi Compro oro, secondo i criminali un primo punto d’ appoggio per tentare di rivendere al più presto la refurtiva.

I quartieri più a rischio di effrazioni e scassinamenti sono quelli in cui prevalgono case popolari abbandonate al degrado o situazioni di vario disagio sociale. Sono state così realizzate mappe di rischio che a Milano hanno predetto quasi il 30% dei furti, a Bari il 41% e a Roma il 47%.

To Top