Cronaca Italia

G8 Genova, Corte Conti: “Sabella, Doria e gli altri: danni allo Stato per 7 mln”

G8 Genova, Corte Conti: "Sabella, Doria e gli altri: danni allo Stato per 7 mln"

G8 Genova, Corte Conti: “Sabella, Doria e gli altri: danni allo Stato per 7 mln”

ROMA – “I torturatori del G8 paghino 7 milioni di euro allo Stato”: è quanto sostiene la Corte dei Conti, che ha quantificato in questa cifra il danno patrimoniale, le spese legali e il danno di immagine causato da quanto avvenuto nel carcere-lager allestito a Bolzaneto, Genova, nei giorni del G8 del luglio del 2001. 

Il conto, spiega Marco Grasso sul Secolo XIX, è stato stato presentato dalla magistratura contabile a 28 persone responsabili a vari livelli: guardie carcerarie, poliziotti, carabinieri e medici. Ma anche a due massime autorità di Bolzaneto scagionate in sede penale: il magistrato Alfonso Sabella, ex capo dell’ufficio ispettorato del Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria) e coordinatore delle attività detentive durante il vertice, oltre che ex assessore alla Legalità della giunta comunale di Roma guidata da Ignazio Marino, e il generale Oronzo Doria, all’epoca del G8 capo area della Liguria degli agenti di custodia. Per il procuratore Ermete Bogetti Sabella e Doria, anche se innocenti sul piano del dolo, devono rispondere sul danno erariale per “omesso controllo”. Una negligenza che vale fino a 2 milioni di euro di danni erariali a testa.

2x1000 PD

La Corte dei Conti ricorda le

“vittime in balia dei capricci di aguzzini”, “trascinate, umiliate, percosse, spesso già ferite, atterrite, infreddolite, affamate, assetate, sfinite dalla mancanza di sonno, preda dell’arbitrio aggressivo e violento” di “seviziatori”. “Gli inni fascisti” intonati dal personale che “si coprì di disonore”. Le “sevizie” a cui partecipò anche il personale medico. I detenuti costretti a restare in “posizioni vessatorie”, abbandonati e feriti in “pozze di piscio, vomito e sangue”.

E’ stato tutto questo, sostengono i magistrati contabili, ad avere un costo per lo Stato. Un costo quantificato, appunto, in sette milioni di euro.

 

To Top