Blitz quotidiano
powered by aruba

Gaetano Nunziato arrestato per omicidio Vincenzo Amendola

Vincenzo Amendola, 18 anni, era scomparso il 5 febbraio scorso. Il suo corpo è stato ritrovato la mattina di venerdì 19 febbraio sotterrato in una zona di campagna nel quartiere periferico di San Giovanni a Teduccio a Napoli

NAPOLI   –   Gaetano Nunziato, 23 anni, è stato fermato dalla polizia nell’ambito delle indagini sull’omicidio a Napoli di Vincenzo Amendola, 18 anni, suo amico.

Il giovane è accusato dell’omicidio aggravato dal metodo mafioso dell’amico nonché di porto e detenzione illegale di arma da fuoco e dell’occultamento del cadavere di Amendola. In passato era stato denunciato per reati contro il patrimonio e per droga.

Ancora da capire il movente del delitto ed il contesto nel quale è maturato l’omicidio. Non viene esclusa la pista passionale. Amendola era imparentato alla lontana con esponenti del clan Rinaldi attivo nella zona di San Giovanni a Teduccio.

Vincenzo Amendola, 18 anni, era scomparso il 5 febbraio scorso. Il suo corpo è stato ritrovato la mattina di venerdì 19 febbraio sotterrato in una zona di campagna nel quartiere periferico di San Giovanni a Teduccio a Napoli.

Erano stati i genitori a denunciarne la scomparsa, dopo la mezzanotte del 4 febbraio. Il ragazzo era uscito di casa e non aveva più dato alcuna notizia. Da qui la richiesta di aiuto alle forze dell’ordine e anche alla trasmissione tv ‘Chi l’ha visto’.

Il corpo del ragazzo è stato ritrovato dagli agenti della Squadra Mobile e del commissariato San Giovanni-Barra in una zona di campagna, un’area tra il rione delle case popolari Taverna del Ferro e poco distante da una scuola e una piccola fattoria.