Blitz quotidiano
powered by aruba

Gaffur Dibrani, inneggiava Isis su Facebook: giudice lo scarcera dopo 16 giorni

BRESCIA – Inneggiava alla guerra santa su Facebook e per questo era stato arrestato giovedì 3 novembre, nell’appartamento di una palazzina di Fiesse, in provincia di Brescia, che divide da anni con la sua famiglia. Dopo 16 giorni di reclusione, la maggior parte dei quali passati in isolamento, Gaffur Dibrani è tornato a casa.

Il tribunale del riesame, riporta Imola Oggi, al quale il legale del 24enne kosovaro aveva fatto ricorso, ieri mattina, 18 novembre, ha infatti annullato l’ordinanza di custodia cautelare: per il giudice mancherebbero gravi indizi di colpevolezza. Una decisione che il kosovaro attendeva da tempo e che ha accolto tra scroscianti lacrime di gioia.

Le accuse mosse nei suoi confronti dalla Digos e della procura di Brescia sono piuttosto pesanti: apologia del terrorismo e istigazione a commettere atti di terrorismo, con l’aggravante dell’uso di strumenti informatici.