Blitz quotidiano
powered by aruba

Genova, dieta vegana: bambina di 2 anni in rianimazione

GENOVA – Una bambina di due anni è stata ricoverata in rianimazione, in condizioni gravissime, all’ospedale Gaslini di Genova. Il motivo? I genitori le facevano seguire, sin dallo svezzamento, una dieta vegana. Niente carne, quindi, ma neanche latte vaccino, formaggi, uova. Una dieta che ha provocato le gravissime carenze di vitamina B12 (contenuta nei cibi a derivazione animale) e non solo. Le conseguenze su Chiara, nome di fantasia, sono: scarso sviluppo muscolare, scarsa reattività, peso sotto la media, e possibili danni neurologici permanenti.

L’alimentazione vegana è possibile per adulti e bambini ma, come spiega Repubblica, i più piccoli vanno seguiti con molta cura da un pediatra specializzato e devono assumere integratori:

Chiara è stata allattata a lungo dalla madre che avrebbe seguito, anche durante il periodo dell’allattamento, il suo regime dietetico vegano. Con lo svezzamento, poi, le abitudini alimentari della famiglia si sarebbero estese anche alla piccola. Dopo la permanenza in rianimazione, Chiara ha cominciato a riprendersi, ma, oltre ad accertamenti per verificare che non soffra di patologie genetiche, solo una serie di esami potrà dire se abbia riportato danni neurologici permanenti a causa della carenza di vitamina B12, mentre i sanitari sono fiduciosi di recuperare alla funzionalità l’apparato muscolare. Il caso è stato segnalato, secondo prassi, agli assistenti sociali.

Anche se non si tratta di incuria o maltrattamenti la vicenda rientra nel campo più vasto di una possibile incuria nei confronti del bambino e a breve anche il Tribunale dei minori potrebbe interessarsi dell’episodio. Vitamina B12, zinco, acido folico, ferro: sono queste le carenze tipiche di chi segue una dieta vegana. “Si tratta di un regime dietetico molto rigido, che però un bambino può seguire, solo a condizione che sia accudito, con check continui, da un pediatra, pronto a intervenire quando le carenze di vitamine o altri elementi siano pericolose per la salute del piccolo”, spiega Alberto Ferrando, presidente dell’associazione pediatri liguri.

Che pure presiede la commissione tecnica che per il Comune di Genova si occupa della redazione dei menù per la ristorazione scolastica: “A Genova ad esempio è possibile chiedere per il proprio figlio, a scuola, un regime dietetico vegano, ma soltanto presentando un certificato medico – indica Ferrando – le richieste sono moltissime e in forte aumento. Non discutiamo le scelte delle famiglie, ma vogliamo la certezza che un pediatra segua il bambino in un regime alimentare che, se non controllato, può essere molto pericoloso”. Ferrando mette in chiaro che le famiglie che scelgono un’alimentazione vegana per i propri figli sono molto, a volte perfino “troppo” attente alla salute dei propri bambini. E Chiara si sarebbe trovata a lottare per la sopravvivenza non per una scarsa attenzione da parte della famiglia. I danni per la carenza da vitamina B12 però sarebbero proprio quelli riscontrati dai sanitari su Chiara: “La mancanza di B12 provoca danni neurologici irreversibili – spiega Ferrando – prima si interviene e si riequilibrano le condizioni, più probabilità si hanno di recuperare la situazione clinica del bambino. Purtroppo i danni sono molto maggiori nei più piccoli”. Negli adulti, una dieta vegana, con un buon bilanciamento di apporto proteico di origine vegetale e qualche integratore, può essere condotta senza difficoltà. In un bambino, questo risulta assai più complicato: “Nei bambini la crescita impone una continua correzione degli integratori e degli apporti di vitamine e proteine – evidenzia Ferrando – altrimenti i rischi sono altissimi”.


TAG: ,