Blitz quotidiano
powered by aruba

Gestacci in auto ai carabinieri? Inseguito e denunciato per oltraggio

BRESCIA – Fare gestacci dalla propria auto agli altri automobilisti è costata una denuncia a un ragazzo italiano di Spino d’Adda, vicino Brescia. Il giovane, esaltato dai suoi scherzi, non ha risparmiato gestacci nel traffico nemmeno ai carabinieri mentre guidava da Orzinuovi verso Leno. Peccato però che gli agenti non hanno apprezzato la sua ironia, ma lo hanno inseguito e denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale.

A raccontare la storia di questo impavido ragazzo di 23 anni è il sito de La Provincia di Cremona, che scrive:

“L’episodio risale ai giorni scorsi, quando il giovane, mentre percorreva la statale 668, incrocia di prima mattina una pattuglia dei carabinieri. Il ragazzo, sicuro di non poter essere fermato dai militari che stavano venendo in senso opposto, decide di prendersi gioco degli uomini a bordo della ‘gazzella’, rivolgendo loro un insulto immediatamente chiarito dal gesto fatto con la mano, che mimava due corna.

Una cattiva idea che ha subito presentato il conto: i carabinieri hanno fatto inversione e si sono subito accodati al veicolo del 23enne che, non avendo più possibilità di fuga, ha accostato. Non sono bastate le scuse, e il cremasco si è ritrovato, prima ancora dell’ora di pranzo, con una denuncia per oltraggio a pubblico ufficiale. Il giovane si dovrà presentare nei prossimi giorni davanti al giudice monocratico che deciderà la pena: l’uomo, incensurato, rischia una multa molto salata e qualche mese di reclusione. La pena massima prevista è di tre anni. Il reato di oltraggio a pubblico ufficiale non prevede l’arresto e il ragazzo si trova oggi a piede libero”.


PER SAPERNE DI PIU'