Blitz quotidiano
powered by aruba

Gianluca Caporaletti si impicca nella sua azienda a Recanati

MACERATA – Un imprenditore di 48 anni è stato trovato impiccato nella propria azienda a Recanati, nell’area ex Eco. Gianluca Caporaletti, imprenditore del ramo elettrico, si è tolto la vita il 26 maggio proprio nel capannone della sua azienda. A trovare il corpo privo di vita due operai, arrivati sul posto di lavoro alle 8 del mattino per iniziare il proprio turno.

Secondo una prima ricostruzione, l’imprenditore Gianluca Caporaletti si trovava all’interno della sua azienda quando ha deciso di farla finita. L’uomo si sarebbe legato un cappio al collo e si è impiccato pochi minuti prima che gli opera del turno del mattino facessero l’ingresso in azienda. Subito i due operai hanno dato l’allarme, ma per Caporaletti non c’è stato nulla da fare: all’arrivo del medico del 118 non è rimasto altro da fare che certificare il decesso.

I carabinieri hanno eseguito i rilievi del caso e non hanno trovato alcun lettera che spiegasse le motivazioni di questo gesto estremo. Secondo gli investigatori, l’uomo era da tempo preoccupato per questioni di tipo economico-finanziario, ma Caporaletti, che era sposato e padre di due figli, non ha lasciato alcun biglietto di addio. Secondo alcune fonti, l’azienda vantava crediti per lavori effettuati ma non pagati.