Blitz quotidiano
powered by aruba

Giorgia Libero morta di tumore, sui social la sua battaglia contro il cancro

CASALSERYGO (PADOVA) – Aveva fatto della sua lotta al cancro che l’aveva colpita una battaglia pubblica, raccontando il progredire della malattia sui social network. Alla fine, però, quella stessa malattia ha avuto la meglio e l’ha uccisa. E’ morta nella notte Gi Libero, 23 anni, di Casalserugo (Padova).

La notizia è arrivata, sempre su Facebook, dal fidanzato della ragazza, Federico Morandi. Gi era ricoverata nel reparto di Ematologia e immunologia clinica dell’Azienda ospedaliera di Padova. Nelle ultime settimane erano stati moltissimi i commenti degli amici che l’avevano seguita nella sua lotta contro il cancro attraverso Facebook o Instagram.

Ecco l’ultimo post di Gi su Instagram: una dichiarazione di guerra al cancro che sorprende, se si considera che arriva da una ragazza che a soli 23 anni è stata colpita e stremata dal tumore. Un post pubblicato insieme alla foto dei risultati dell’ultima Tac a cui si era sottoposta, e che purtroppo raccontava di come il male si stesse espandendo sempre di più nel suo corpo ormai stremato.

Eccoci qui. Torniamo alla dura verità. In realtà è da ieri che lo so, che convivo con la paura di non aprire più gli occhi la mattina. Ma ieri è successa la cosa più bella della mia vita e ho preferito condividere per ricordare con voi e con me stessa quel momento meraviglioso e indimenticabile che mi ha cancellato ogni lacrima ed ogni brutto pensiero per il resto della giornata. Peccato che oggi sia un altro giorno, che i dolori si facciano sentire e che la verità stia qui, tutta scritta in queste righe in bianco e nero. Credo non serva essere troppo dottori per leggere questa tac. Anzi questa MERDA DI TAC. “Marcata progressione del noto quadro patologico…notevole aumento…comparsa di numerosi…” Ma cosa vuoi da me?! Cosa? Ci sei riuscito? Ci sei riuscito a mettermi ko, sei felice adesso? Un passetto alla volta ti sei preso tutto. Le forze, il respiro, la schiena, le gambe ed ora tutti i miei organi vitali. Va bene, grazie. Vuoi altro? Ci sei quasi sai. Se è me che vuoi, o fai veloce perché non ne posso più, oppure fottiti e mollami una volta per tutte. Non sono nata perché tu a 23 anni mi portassi via. C’è il mondo là fuori, una vita che mi aspetta, tante persone che mi vogliono bene. E sai cosa ti dico? Che Fede ieri appena ho letto cosa dicevi, non mi ha risposto “ok è meglio se cominciamo ad allontanarci”, ma è arrivato da me con un anello stupendo per dirmi che mi vuole PER SEMPRE al suo fianco. E tu non sei nessuno per rovinare le nostre volontà. Ti è chiaro? Sono esausta, mi hai distrutta, ma non voglio mollare. Non voglio. Fa strano sentirmelo dire, perché io non l’ho mai pensato neanche solo un secondo fin’ora, ma io NON VOGLIO MORIRE ADESSO. Sono pienamente consapevole di tutto, non voglio passare per l’eroe o peggio l’ingenua di turno. Ora comprendo bene che ci sono molto, molto vicina…e ho tanta, tantissima paura. Vivo del sostegno e dell’amore di chi mi circonda e finché qualcuno lì in alto me ne darà le forze, ogni mio respiro sarà lotta per sconfiggerti e per riprendermi tutto ciò che mi spetta e che mi hai tolto. TI ODIO CON TUTTA ME STESSA. Gi


TAG: