Blitz quotidiano
powered by aruba

Giuseppe Calise, pregiudicato, ucciso in agguato a Napoli

Calise è stato ucciso con colpi di pistola sparati da distanza ravvicinata mentre, a bordo di un'automobile parcheggiata ai bordi della strada, parlava al telefono con un amico nel rione don Guanello, periferia Nord di Napoli

NAPOLI – Giuseppe Calise, un giovane pregiudicato di 24 anni, è stato ammazzato a colpi di pistola in un agguato nel rione don Guanello, alla periferia Nord di Napoli. 

Il giovane non è morto sul colpo: trasportato in ambulanza all’ospedale San Giovanni Bosco, è stato ricoverato in gravi condizioni intorno alle 20:00 di giovedì 4 febbraio, ma è morto poco dopo.

Il giovane era noto alle forze dell’ordine per precedenti penali. Sul posto è intervenuta la polizia, che ha avviato ricerche e indagini per ricostruire le ultime ore di vita di Calise e identificare i killer.

LA DINAMICA DELL’AGGUATO – Giuseppe Calise è stato ucciso con colpi di pistola sparati da distanza ravvicinata mentre, a bordo di un’automobile parcheggiata ai bordi della strada, parlava al telefono con un amico che – stando al racconto di quest’ultimo – stava acquistando delle pizzette da mangiare insieme.

Durante la conversazione, l’amico di Calise (sempre secondo il racconto che egli stesso ha fatto alla Polizia di Stato) ad un certo punto, improvvisamente, non ha più sentito la voce di Calise. Ha raggiunto l’auto e ha trovato il giovane ferito al viso. Si è quindi messo alla guida dell’auto e ha raggiunto l’ospedale San Giovanni Bosco dove Calise è morto poco dopo il ricovero.

Il giovane amico della vittima ha detto agli investigatori di non aver visto i killer e di non aver assistito al delitto.