Blitz quotidiano
powered by aruba

Gloria Rosboch, “Gabriele Defilippi aveva conti all’estero”

IVREA – Gabriele Defilippi, il giovane arrestato insieme a Roberto Obert con l’accusa di aver ucciso l’insegnante piemontese Gloria Rosboch, “ha dei conti all’estero”. E’ quanto scrive Mauro Giubellini sul quotidiano La Sentinella del Canavese, specificando anche che si tratta di diversi conti a Montecarlo e in Lussemburgo che gli inquirenti sospettano essere intestati ai due.

Potrebbero essere finiti lì i 187mila euro che Defilippi, 21 anni, secondo l’accusa si fece dare dalla sua insegnante, d’accordo con l’amico Obert, 54 anni. Soldi che nessuno degli indagati ha ammesso di avere, e che la stessa madre di Defilippi, Caterina Abbattista, anche lei in carcere, dice di non sapere nulla.

Per appurare dove siano finiti tutti quei soldi la Procura di Ivrea ha chiesto sei mesi di proroga. Fu proprio quella truffa a portare all’omicidio di Gloria Rosboch, 49 anni. Aveva consegnato i soldi all’ex allievo con la promessa di un futuro insieme in Costa Azzurra. E quando ha scoperto la verità ha tentato di farseli ridare, sporgendo anche denuncia. Ma è stata ammazzata.

Quel che si sa ad oggi, scrive La Sentinella del Canavese, è che

esistono diversi conti sospetti intestati a Gabriele Defilippi e a Roberto Obert. Non in Italia, dove sono stati setacciati una decina di istituti bancari, ma a Montecarlo e in Lussemburgo”.

 

In attesa delle rogatorie internazionali, la Procura ha setacciato gli spostamenti di denaro online: soldi che Defilippi, giocatore d’azzardo, avrebbe puntato a poker.

 

 


PER SAPERNE DI PIU'