Blitz quotidiano
powered by aruba

Grosseto, anziana aggredita da ladri per 150 euro: rischia di rimanere un vegetale

GROSSETO – Maria Rosa Vaccaro è una donna di 91 anni aggredita dai ladri nella sua casa della Rugginosa, vicino Grosseto, per un bottino di appena 150 euro. La donna a avuto un malore dopo che i malviventi sono entrati in casa e ora si trova in gravi condizioni all’ospedale Misericordia. Nella migliore delle ipotesi, racconta il figlio Marco Vaccaro, la donna rimarrà in uno stato vegetativo.

Francesca Gori sul quotidiano Il Tirreno scrive che a trovare l’anziana priva di sensi è stata la badante la mattina di mercoledì 5 ottobre, che ha subito chiamato il figlio Marco. L’uomo ha poi allertato il 118 e le autorità e l’anziana madre è stata soccorsa. La diagnosi è di emorragia cerebrale dopo l’aggressione subita in casa, provocata dal trovarsi davanti i ladri che hanno devastato la sua casa e l’hanno messa a soqquadro per un magro bottino da 150 euro:

“Chi si è trovato davanti la donna non si è limitato a portare via quel po’ di oro che c’era in casa e i pochi contanti, circa 150 euro: ha spaccato il televisore, ha devastato alcuni mobili, ha lasciato la casa completamente a soqquadro. E probabilmente – è questa una delle ipotesi formulate dagli investigatori – Maria è stata presa per i polsi e strattonata per convincerla a dire ai malviventi dove si trovasse la cassaforte. Avevano sbagliato obiettivo, perché nella casa della Rugginosa non c’era. E c’era anche poco da portare via.

Maria si è sentita male: era sola nella sua abitazione, era sul suo letto. Lì l’ha trovata la badante mercoledì mattina quando alle 8 in punto è arrivata. La donna si occupava dell’anziana per quattro ore ogni mattina perché Maria nonostante i suoi 91 anni era arzilla e pimpante. Era autonoma, poteva stare tranquillamente a casa da sola dove passava le giornate alla tv, seguendo i suoi programmi preferiti”.

I carabinieri indagano sul caso e intanto la donna sta in ospedale, dove lotta tra la vita e la morte.